Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Unione Industriale Torino
Seguici su     
BLOG OPEN UI

ENGLISH   |   UI FOR YOU   |   Login

Hub dell'Innovazione - News - 04/08/2020

Bando “Contributi per lo sviluppo di un approccio ambientale del settore delle micro, piccole e medie imprese” della Regione Piemonte e Unioncamere Piemonte.

L’intervento è finalizzato a supportare le Micro, Piccole e Medie imprese aventi unità locale operativa in Piemonte in un percorso di miglioramento del proprio approccio ambientale e di innovazione organizzativa. La misura ha una dotazione complessiva di circa 5 ml€.

 

La diffusione del Covid-19 e le conseguenti limitazioni dell’operatività delle imprese ha di fatto accelerato, fra le molteplici variabili disruptive, due traiettorie aziendali: la prima riguarda un cambiamento dei propri mezzi aziendali verso modelli a basso o nullo impatto ambientale; la seconda impone un ripensamento del proprio modello organizzativo attraverso quote crescenti di lavoratori in lavoro agile, o smart working.


Entrambe le traiettorie contribuiscono ad un miglioramento delle emissioni in atmosfera e quindi della qualità dell’aria, come obiettivi primari dell’Accordo di bacino padano del 9 giugno 2017 e del Piano regionale di Qualità dell’aria, approvato con deliberazione del Consiglio regionale n. 364-6854 del 25 marzo 2019.

 

I soggetti beneficiari di tale intervento sono le Micro, Piccole e Medie Imprese – denominate nel seguito MPMI aventi unità locale operativa attiva in Piemonte. Questo requisito deve essere posseduto dal momento della domanda e almeno fino a quello di liquidazione del contributo.

 

La misura ha una dotazione complessiva che ammonta a 5,063 milioni di euro così ripartita:

– 2,063 sulla Linea A,Veicoli

– 500 mila euro sulla Linea B, Velocipedi

– 2,5 milioni di euro sulla Linea C, Smart Working (di cui 1 milione di euro messi a disposizione da Unioncamere Piemonte)

Con particolare riferimento alla Linea C – Smart Working, il contributo è a fondo perduto e sarà il 50% delle spese sostenute (al netto IVA), con un massimale di contributo per ogni singola impresa di 5 mila euro. Ciascuna impresa può beneficiare al massimo di un contributo pari a 5 mila euro per una sola unità operativa locale per ciascuna provincia piemontese.​ La fattura, intestata all’impresa, deve avere data successiva al 1° febbraio 2020. L’aiuto viene concesso ai sensi del “Quadro Temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del Covid-19” dello scorso 19 marzo (regime autorizzato SA 57021).
Sono ammissibili investimenti per l’acquisto di beni o servizi utili per l’implementazione dello smart working per il personale dipendente.


Sono rendicontabili:
-spese per acquisto di notebook, tablet e altri device purché finalizzati al lavoro a distanza; spese per l’acquisto di tecnologie e servizi (anche sotto forma di abbonamento) in cloud in grado di garantire forme di collaborazione a distanza; spese per acquisto e installazione VPN, VoiP, sistemi di Backup / ripristino dei dati Sicurezza di rete;
-spese per software per servizi all’utenza (es. siti web, app, integrazioni con provider, servizi di pagamento, piattaforme di e-commerce e sistemi di delivery, ecc.),
-spese per acquisto di strumentazione e servizi per la connettività (es. smartphone, modem e router Wi-Fi, switch, antenne, etc.)
Non è ammissibile l’acquisto tramite noleggio a breve o lungo termine.


La tecnologia acquistata dovrà rimanere di proprietà dall’azienda ed essere utilizzata per smart working per almeno 3 anni dalla data di concessione del contributo.
Il contributo a fondo perduto sarà il 50% delle spese sostenute (al netto dell’iva), con un massimale di contributo per ogni singola impresa di 5.000€ (cinque mila euro).
Ciascuna impresa può beneficiare al massimo di un contributo pari a 5.000,00 euro per una sola unità operativa locale per ciascuna provincia piemontese.

 

Finestra di presentazione delle domande:

31/07/2020 – 31/08/2020 (valutazione e ammissione entro 30 ottobre 2020)
1/09/2020 – 30/09/ 2020 (valutazione e ammissione entro 30 novembre 2020)
1/10/2020 – 31/10/ 2020 (valutazione e ammissione entro 31 dicembre 2020)
1/11/2020 – 30/11/2020 (valutazione e ammissione entro 31 dicembre 2020)

 

La documentazione obbligatoria per la presentazione delle domande a valere sulla linea C (smart working) è la seguente:

– Modello di domanda firmata digitalmente (allegato A SW)

– Incarico per la sottoscrizione digitale (allegato B)

– Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (allegato C)

– Fattura intestata all’impresa

– Copia bonifico bancario

– dichiarazione relativa all’impatto ambientale dello smart working (allegato D)

 

Il nostro Ufficio Economico (Tel. 011/5718.322, mail economico@ui.torino.it) rimane a disposizione per ogni ulteriore chiarimento in merito.

 

Documentazione allegata

PRIVACY    DISCLAIMER    CREDITS   
UNIONE INDUSTRIALE TORINO - VIA MANFREDO FANTI, 17 - 10128 TORINO - T (+39) 011 57181 F (+39) 011 544634 - COD. FISCALE 80082190010