Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Unione Industriale Torino
Seguici su     
BLOG OPEN UI

ENGLISH   |   UI FOR YOU   |   Login
Contatti

Via Manfredo Fanti n. 17
10128 TORINO

 

Tel. 011.5718.502
 

 

e-mail: economiadellavoro@ui.torino.it

Economia del lavoro - Circolare N. 1547/2015 - 22/10/2015

Mercato del lavoro nel 2014

L’indagine svolta tra le imprese associate fornisce un’analisi sulle caratteristiche principali dell’occupazione suddivisa per tipologie di contratto, genere, dimensioni e settori d’impresa, evidenziando anche il ricorso alle diverse forme di flessibilità e l’andamento del turnover.

I principali risultati dell’indagine, che ha coinvolto 187 imprese associate all’Unione Industriale Torino, appartenenti in prevalenza ai settori dell’industria manifatturiera, mostrano che il mercato del lavoro si caratterizza per i seguenti fattori:

  1. Gli occupati a tempo indeterminato rappresentano quasi il 95% dei dipendenti. A questo risultato contribuisce per il 7% il part-time che riguarda prevalentemente le donne (circa il 70% dei casi);

  2. La percentuale di donne sul totale dei dipendenti è pari al 28,1%. La qualità del personale femminile è buona, come dimostrato dalla loro presenza nei livelli direttivi aziendali (quadri e dirigenti) che risulta essere complessivamente pari al 31%;

  3. Il tasso di terziarizzazione implicita, espresso come somma dei lavoratori non operai, sfiora il 50%, in diminuzione rispetto allo scorso anno;

  4. Il contratto a termine e l’apprendistato costituiscono la flessibilità interna. Il suo peso è pari al 5,1%, in crescita rispetto all’indagine precedente;

  5. La flessibilità esterna, tradizionalmente monitorata dall’indagine (co.co.pro e somministrazione) si attesta al 4,6%, in riduzione rispetto alla scorsa indagine. La riforma del mercato del lavoro varata a metà del 2012 ha modificato in maniera rilevante anche altre forme di ingresso, tra le quali il lavoro autonomo con partite IVA è stato monitorato con l’indagine 2014. Tale forma di flessibilità esterna aggiuntiva pesa per l’1,5% dei dipendenti, in aumento rispetto allo scorso anno;

  6. Bilancio occupazionale in ulteriore peggioramento rispetto al 2013. Il turnover in entrata si è attestato al +6,8%, mentre quello in uscita ha rallentato al 7,7%, con un saldo occupazionale pari a -1%. Le forme di cessazione involontaria (scadenze contrattuali, licenziamenti, mobilità) rappresentano oltre il 68% delle causali di uscita dalle imprese.

     

    In allegato viene riportato il documento finale relativo ai risultati che sono emersi dall’indagine per le imprese dell’Unione Industriale Torino.

Con l’occasione si ringraziano le Aziende Associate che con la loro collaborazione hanno permesso di portare a termine la ricerca.

UNIONE INDUSTRIALE TORINO - VIA MANFREDO FANTI, 17 - 10128 TORINO - T (+39) 011 57181 F (+39) 011 544634 - COD. FISCALE 80082190010